04 settembre 2012 |

Metodo di lettura dei Tarocchi Maggiori: la croce semplice

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

La rubrica di Donnaclick dedicata alla Cartomanzia è entrata nel vivo! Dopo aver descritto tutte le carte che compongono il mazzo dei 22 arcani maggiori, passiamo finalmente al metodo di lettura delle carte stesse. Avevamo già descritto un metodo di lettura semplice delle carte napoletane, oggi è la volta dei Tarocchi Maggiori. Esistono molti metodi di lettura, alcuni semplici, altri complicatissimi, solo il tempo e l’applicazione potranno suggerire quello che più si adatta alle esigenze della domanda e alla sensibilità di chi legge le carte.

Prima di proseguire, vi ricordiamo alcune regole “del buon cartomante”:

  1. Non si abusa dei Tarocchi, non vanno interrogati per ogni avvenimento della vita né per quesiti di poco conto.
  2. Non mischiate sacro e profano, non fate benedire il mazzo degli arcani, lasciate fuori la religione da un fatto secondario e ludico come la cartomanzia.
  3. Non date adito ai ciarlatani che parlano di riti e magie per “attivare” il mazzo. Quello che vi occorre è solo tranquillità e concentrazione. Se non vi sentite tranquille, riponete il mazzo!
  4. Cercate di fare domande chiare senza “sperare” in una risposta. E’ molto difficile interpretare le carte a se stessi, se non volete restare delusi non credete ciecamente alle risposte, né le prime volte, né le successive.
  5. Mai ripetere la domanda più volte al giorno per ottenere conferma di una risposta oppure la risposta che desiderate. Gli arcani ad un certo punto mentiranno e voi avrete perso il consiglio che volevano fornirvi.
  6. Le domande vanno poste in positivo. Quindi: “Luca ed io torneremo insieme?” e non “Luca ed io ci siamo lasciati definitivamente?”. Se fate domande per terze persone, specialmente non presenti, evitate di tagliare il mazzo. Inoltre, ricordate che le tradizioni, tutte, sono più sagge di noi e la sanno lunga: se vorrete porre domande indiscrete per gioire delle disgrazie altrui, sappiate che fallirete.

Oggi descriveremo uno dei metodi più facili, detto “a croce semplice”. Per prima cosa si prende il mazzo, si mescolano le carte pensando intensamente alla domanda da porre (ricordate che le domande vanno sempre poste in positivo, mai in negativo) e, se volete, tagliate il mazzo con la mano sinistra. Alcuni cartomanti evitano di alzare se la domanda riguarda persone non presenti. Ora, potete estrarre 4 carte, nel modo che sentite più consono: potete estrarre le prime 4 del mazzo, oppure sparpagliare le carte sul tavolo e prendere quelle che occorrono. Lasciate decidere il vostro intuito.

Le carte vanno poste così sul tavolo: la prima estratta a sinistra, la seconda a destra, la terza in alto, la quarta in basso. Ogni posizione ha, ovviamente, un significato.

  • La prima carta, posizionata a sinistra, rappresenta i sentimenti e i pensieri del consultante. Quello che davvero prova, non quello che dice di provare o pensare.
  • La seconda carta, posizionata a destra, rappresenta l’ambiente dove il consultante si muove, lavora viva, l’immagine che dà di sé.
  • La terza carta, posizionata in alto, è il ruolo che avrà il destino nell’ambito della situazione.
  • La quarta carta, posizionata in basso, rappresenta la risposta alla domanda posta.

Potete ottenere una quinta carta, che avrà il ruolo di confermare e arricchire la risposta. Si ottiene sommando il valore numerico dei 4 arcani estratti e si riduce il numero a 22, se la somma dovesse superare questa cifra.
Facciamo un esempio. Abbiamo estratto, nell’ordine: la Morte, la Temperanza, il Mondo e il Sole; queste carte hanno come valore numerico, rispettivamente: 13, 14, 21, 19. Sommando i quattro numeri, otteniamo il numero 67, ma le carte sono solo 22. Quindi, per ottenere un numero compreso tra 1 (il Bagatto) e 22 (il Matto) non ci resta che sommare 6+7 e ottenere così il numero 13, ovvero la carta la Morte.
Il procedimento è semplice e anche se, specialmente ai primi tentativi, le carte possono sembrare contraddittorie, fate tesoro dei significati simbolici di ogni arcano. Il futuro non è scritto, ma le carte possono consigliarvi al meglio!

Potrebbe interessarti anche